• Data evento: - Luogo:

    Da sempre l'umanità, adottando gli strumenti scientifici più disparati, si interroga sulla natura della coscienza.

    Fino al 1609, spartiacque decisivo per la messa a punto delle metodologie di indagine proprie del mondo scientifico occidentale, la meditazione e le pratiche contemplative erano considerate un essenziale strumento di investigazione cognitiva, condiviso sia dall'universo religioso che dalla comunità scientifica.

    Oggi, coscienza, mente, consapevolezza sono ancora li, sconosciuti quanto quotidianamente alla portata di tutti noi. Dopo un lungo periodo di abbandono, le pratiche meditative di buddhismo e cristianesimo tornano a dialogare con le moderne teorie scientifiche e filosofiche al fine di espandere la mappatura della mente in nuove, entusiasmanti direzioni.

    Fabio Fassone: docente di meditazione e equilibrio emotivo all'Università di Pisa e all'Istituto Lama Tzong Khapa di Pomaia. Ha portato a termine il programma di Studi Buddhisti di Sutra e Tantra nella tradizione del Buddhismo tibetano. Tiene corsi individuali, di gruppo e aziendali in Italia e all'estero.

    Contributo richiesto per la partecipazione euro 10